CdT, 23.12.205: “Buon anno, Lugano! Guardiamo avanti”

Da Corriere del Ticino del 23 dicembre 2015

Stiamo per girare il calendario! L’espressione, ormai desueta nell’era digitale, continua a ricordare che è tempo di bilanci e di buoni propositi. A Lugano, la legislatura breve 2013-2016 è stata condizionata dalle urgenze finanziarie che hanno indotto il Municipio a correggere il trend contabile e ad adeguare la struttura amministrativa della città post-aggregazioni (dal 1° gennaio scatterà la riforma dei dicasteri e dell’amministrazione). Nel complesso, in questo triennio la Città è stata essenzialmente amministrata, i progetti già definiti hanno fatto il loro corso, qualche sacrificio è ricaduto sui cittadini.

Guardando al passato, non dobbiamo dimenticare la politica progettuale che ha permesso di creare solide basi sulle quali si è costruita la città di oggi e si potrà costruire la città di domani. Senza progettualità non c’è futuro e non ci sarà crescita a 360 gradi a vantaggio di tutte le componenti della società civile.
Nella prossima legislatura (2016-2020) sarà indispensabile insistere nel perseguire delle visioni e nel proporre progetti forti e solidi: non una politica spendacciona per distribuire contentini a destra e a sinistra, ma calibrata su investimenti – penso in particolare ai progetti del polo congressuale del Campo Marzio, del polo sportivo di Cornaredo e del polo tecnologico e della scienza – capaci di generare indotto locale e cantonale, come Lugano è già stata in grado di fare in passato.

Oggi siamo quasi tutti ben fieri di avere il polo culturale LAC. Eppure è stato contrastato per 15 anni! “Figlio” di una visione lungimirante, sta dimostrando di essere una pregevole realtà, fedele alla promessa di abbattere le barriere d’accesso (vedi le manifestazioni pomeridiane per gli anziani e il LAC Edu per i più giovani) e di valorizzare anche il patrimonio culturale locale (vedi la riscoperta del fotografo Donetta a Palazzo Reali accanto ad altre proposte più internazionali).

Perché non dovremmo credere nella Lugano delle grandi opportunità? Perché non dovremmo avere nuovi progetti? Non certo per mania di “grandeur”, ma per continuare a creare benessere, indotto economico, opportunità occupazionali, cultura e apertura, senza perdere di vista l’importanza di garantire alla cittadinanza servizi di qualità e in quantità adeguata. Governare oggi – a livello locale, cantonale o nazionale – richiede (e più di ieri!) di tracciare una rotta, un orientamento per non fermarsi al gestionale, per guardare avanti, lontano. Buon anno, Lugano! E con un sano ottimismo!

Michele Bertini, Municipale PLR

CdT, 10.12.2015: “Città : lista PLR a trazione giuridica”

Da Corriere del Ticino del 10 dicembre 2015

Quattro avvocati nella squadra dei sette candidati al Municipio approvata dall’Assemblea. Con l’uscente Bertini, Badaracco, Cattaneo, Ferrari, Massetti, Schnellmann e Valenzano.

La lista PLR per l’elezione del Municipio di Lugano ad aprile è pronta. Ad accompagnare il municipale uscente Michele Bertini saranno i granconsiglieri Roberto Badaracco (avvocato e capogruppo in Consiglio comunale) e Fabio Schnellmann (dipendente della Città), gli avvocati Gabriele Massetti, Luca Cattaneo, Karin Valenzano Rossi e la consulente in risorse umane Morena Ferrari Gamba.

Le ultime due candidate hanno sostituito altre due donne il cui nome era circolato nelle scorse settimane: la presidente sezionale Giovanna Viscardi e l’avvocato Laura Méar Bordoni. Ieri sera, al Conza, la squadra formata dopo non poche sofferenze dalla Commissione cerca è stata approvata dall’Assemblea dei delegati. «La rinuncia di Giovanna Masoni Brenni a sollecitare una nuova
candidatura ha scombussolato un po’ i nostri piani, ma siamo riusciti a comporre una lista di qualità connomi freschi e persone con esperienza», ha detto il copresidente della Commissione Erasmo Pelli. «Abbiamo bisogno di unità e impegno collettivo – ha aggiunto l’ex presidente nazionale del PLR Fulvio Pelli – viviamo un momento di insicurezza, ma il partito ha ripreso a crescere». Al completo anche la lista per il Consiglio comunale. Non si ricandidano Luca Banfi, Giovanni Bolzani, Cherubina Ravasi, Giovanna Gilardi, Marzio Guggiari e Tiziano Mauri.

Leggi l’articolo completo (PDF)

OL, 6.11.2015: “Telethon: da 25 anni è una grande azione di solidarietà”

«Aiutateci ad aiutare» è l’invito del neo presidente del comitato della Svizzera italiana di Telethon Azione Svizzera. Michele Bertini ha assunto la carica «con impegno e entusiasmo» anché Telethon rimanga «la grande azione di solidarietà che tutti conosciamo» e possa continuare a raccogliere i fondi necessari per sostenere la ricerca.

Michele Bertini. In ottobre è subentrato a Monica Duca Widmer alla guida del comitato della Svizzera Italiana di Telethon Azione Svizzera (FTAS). Che signicato ha per lei essere presiedere la fondazione?
La nomina alla presidenza del Comitato Telethon costituisce innanzitutto un grande onore, per l’opportunità di lavorare «al fronte» per una causa di solidarietà – quella del sostegno di progetti di ricerca e iniziative di azione sociale nel campo delle malattie genetiche rare – tanto importante, aermata e riconosciuta nel nostro Paese e nel nostro Cantone.

Inoltre, assume un signicato molto speciale sul piano strettamente personale: ricordo sempre con grande piacere le raccolte fondi organizzate dalle associazioni del quartiere di Loreto, alle quali noi ragazzi partecipavamo sempre con grande entusiasmo e con la volontà di aiutare le persone meno fortunate supportate da Telethon. Poi, con il passare degli anni sono sempre stato vicino alla Fondazione sostenendone le attività a titolo personale. Presiedere oggi il Comitato è una grandissima soddisfazione e fonte di enorme motivazione per continuare quell’impegno a favore di quelle famiglie che devono arontare casi di malattie genetiche rare.

Leggi l’articolo completo (PDF)